Tutto ancora incerto al Rally Italia Sardegna 2018

Dopo due lunghi giorni di gara Sebastien Ogier, primo su Ford, e Thierry Neuville, secondo su Hyundai, sono divisi solamente da 3”9

Alghero (SS), 9 giugno 2018 – Era considerata da tutti la tappa decisiva della gara, ma così non è stata con la classifica parziale che consegna all’ultima, conclusiva tappa di domani l’onere di assegnare la vittoria dell’edizione 2018 del Rally Italia Sardegna, appuntamento italiano del Mondiale Rally organizzato dall’Automobile Club d’Italia. Le temute prove di Coiluna Loelle, Monti di Alà e Monte Lerno non hanno, nei fatti, indicato un favorito, ma hanno fatto comunque una selezione, lasciando che domani siano solamente in due a giocarsi il successo: Sebastien Ogier , con Julien Ingrassia sulla Ford Fiesta WRC di M-Sport Ford World Rally Team, e Thierry Neuville, in coppia con Nicolas Gilsoul sulla Hyundai i20 Coupè WRC di Hyundai Motorsport. I protagonisti assoluti del WRC 2018, dopo due giorni e spiccioli di gara, comprensivi anche della speciale di apertura disputata giovedì, e dopo oltre 260 chilometri cronometrati sulle difficili stradine sterrate dell’entroterra nel nord della Sardegna, hanno terminato oggi divisi da soli da 3”9, con il francese e campione del mondo della Ford che ha chiuso davanti al belga della Hyundai. A dividerli quindi, un soffio, quando mancano ancora 42,04 km suddivisi dei quattro tratti cronometrati in programma domani.

Il duello per la terza piazza, anche questo aperto quasi fino alla fine tra le due Toyota Yaris WRC dei finlandesi Jari-Matti Latvala – Mikka Anttila ed Esapekka Lappi – Janne Ferm, si è risolto quando la sfortuna ha colpito Latvala, che si è fermato per problemi all’alternatore (conseguenza di un precedente urto contro una pietra) proprio nell’ultimo trasferimento di giornata. Un colpo di scena che ha al momento assegnato il gradino più basso del podio a Lappi. Dietro ai primi tre hanno quindi concluso, ma con distacchi pesanti, Hayden Paddon e Sebastian Marshall, quarti su Hyundai i20 Coupé WRC a 2’01”8 e Mads Ostberg e Torstein Eriksen, quinti con la Citroen C3 WRC a 2’03”9.

Per quanto riguarda la WRC2 il vantaggio di Jan Kopecký e della sua Škoda Fabia R5 appare solidissimo. Il ceco ha infatti oltre 3 minuti di vantaggio su Nicolas Ciamin, Hyundai i20 R5. Sfortunata la prova di Fabio Andolfi al volante della Skoda Fabia R5 di ACI Team Italia. Il pilota di Savona, in coppia con Simone Scattolin, in lotta per il podio della categoria iridata riservata alle vetture in configurazione R5 ha oggi urtato una pietra con la posteriore sinistra piegando un cerchio e allontanandosi così dal podio.

Ma la gara è ancora per tutti piena di insidie. Domenica le ultime quattro prove con i due passaggi sulla Cala Flumini e sulla Sassari Argentiera. Quest’ultima, valida nel secondo passaggio come Power Stage, consegnerà ai più veloci dei punti iridati aggiuntivi oltre a quelli ottenuti per il piazzamento in gara.

2018-06-10T10:14:18+00:00 10/06/2018|